.

.


14 settembre 2021

TOMBE CAPPUCCINE

NOTE IN MARGINE
SUL RITROVAMENTO DEL 1834
A SANTIMENTO
 
Come abbiamo appreso dal recente articolo apparso su ILPIACENZA (qui il link) a Santimento piacentino si trovarono nel 1834 molte arche con scheletri ed oggetti datati tra Ottavo e Decimo secolo.
Le tombe da come son descritte erano quelle dette "alla cappuccina" che sono usate già dal periodo romano (duemila anni fa) ma continuano questi tipi di sepolture anche per tanti secoli dopo fin ben a tutto il medioevo.
La bellezza del rinvenimento è che queste tombe erano longobarde cosa rara a trovarsi e gli oggetti testimoniano di un milite (un cavaliere sepolto con alcune delle sue armi) e infatti trovarono un anello da arciere ed una punta di lancia con anche un puntale oltre ad altri oggetti in altre tombe.
Il terreno si dice che era vicino alla chiesa del paese e oggi dobbiamo pensare che su quel posto nei secoli forse siano state edificate costruzioni.
Ecco la sintetica descrizione della tomba in questo stile:
in una fossa venivano stese alcune lastre in terracotta, tipicamente prese dalle manifatture che producevano coppi per la copertura degli edifici, o in pietra, o sulla nuda terra. Vi veniva poi steso il defunto, o in una cassa lignea o semplicemente avvolto in un telo, e in seguito coperto da tegoloni (tabellones), congiunti alle estremità e al vertice da embrici; il tutto poi veniva coperto di terra e ai piedi del defunto venivano messi alcuni oggetti che gli appartenevano e che erano il suo simbolo o mestiere.

 

 

 
 
 
 

13 settembre 2021

I GIGANTI DI SANTIMENTO

IL TESTO DEL MIO ARTICOLO
SULLE TOMBE LONGOBARDE
DI SANTIMENTO (PIACENZA)

 
oppure scorri la pagina e leggilo qui sotto

Per puro caso sfogliando vecchi studi piacentini stampati nel 1836 dalla tipografia vescovile Giuseppe Tedeschi di Piacenza ci imbattiamo in una notizia abbastanza singolare e dimenticata, a farcene memoria è Giovan Battista Anguissola dotto studioso di fama che ne scrive una precisa recensione.

In un terreno agricolo vicino alla chiesa parrocchiale di Santimento retta dall’arciprete e vicario foraneo don Francesco Uttini, paese che oggi è condiviso tra i comuni di Calendasco e Rottofreno, nell’anno 1834 alcuni agricoltori intenti ad arare un terreno chiamato Le Bagatte e di proprietà dello Stato, fanno un rinvenimento archeologico importantissimo. Certamente se fosse avvenuto ai nostri giorni quell’area sarebbe stata analizzata accuratamente e chissà quali altri tesori mostrerebbe oltre al solo dato storico che testimonia una florida e vivace vita rurale.

Il fatto raccontato dagli stessi agricoltori è che trovando resistenza all’aratro, furon costretti a guardare meglio ed a scavare pensando che dei macigni bloccassero l’avanzare dei buoi: ebbene alla loro vista comparvero “molte arche sepolcrali quadrilunghe con coperchi modellati a prisma formate da grossi, lunghi e ben cotti pianelloni alcuni più grandi altri più piccoli”. Si tratta della classiche tombe medievali “alla cappuccina” e ne vennero trovate appunto molte il che può far intendere che fosse un antico cimitero e addirittura prosegue la testimonianza “vennero aperte le arche e dalle rimenenze delle spoglie mortali si vide che nella maggior parte di queste tombe erano stati deposti più cadaveri”.

A Piacenza arrivò la notizia che a Santimento fossero state trovate ossa di giganti di epoca remota, di una altezza mai vista prima e quindi si pensò di mandare sul posto alcuni medici legali per fare una perizia su quei resti misteriosi.

La cosa singolare è che queste arche contenevano “da uno fino a sette cadaveri”, cosa forse neanche tanto rara nei rinvenimenti il ritrovare più corpi nella stessa sepoltura, e i periti “osservando qualche avanzo di cranio” capirono dalla dimensione che erano sia di uomini che di ragazzi o bambini e che “la suggestione degli agricoltori che questi cadaveri vantassero una statura gigantesca” era un ovvio errore, anche se vale la tesi che qualche abitante delle nostre aree potesse avere una statura maggiore per via degli stanziamenti appunto di coloni romani del nord-europa e anche di longobardi che non scordiamolo a Calendasco eran ben assodati e ci basti pensare ai documenti del Codice Diplomatico Longobardo e anche a quelli piacentini dell’Archivio storico di Sant’Antonino di Piacenza già pubblicati che ci danno questa conferma.

L’Anguissola è stato testimone di questi scavi e ne parla e scrive in prima persona per aver potuto osservare i reperti ritrovati accanto agli scheletri e ne traccia uno ad uno una piccola scheda storica per provare a dare una datazione all’imponente scoperta.

Sappiamo da indagini archeologiche di superficie svolte negli anni passati solamente analizzando reperti emersi dalle arature, che anche nella località tra il Campogrande di Calendasco e Santimento venne individuata una grande necropoli tardo romana che fu visionata anche dalla Soprintendenza Archeologica di Parma e Piacenza. Il ritrovamento del 1834 invece si legge che è avvenuto nei pressi della chiesa e la cosa non sorprende proprio per il fatto che questa zona era ampiamente abitata già da epoca romana quando vennero insediati dei coloni che resero abitabili queste terre.

Gli oggeti rinvenuti che crediamo sian stati portati al magazzino del Museo di Parma come usava in quel secolo sono degni di nota ma “ciò che però riuscì oggetto dell’universale meraviglia, fu che ai piedi della maggior parte di quei cadaveri si scoprirono interi o rotti alcuni materiali oggetti” che leggiamo erano: una suola ad uso di falegname (una dimma in legno), un’accetta, un pezzo di falce, un ditale da sarto, la parte superiore di una lancia, una campanella convessa in ferro, un anello da fuso in pietra, un puntale di rame, una piccola chiave da lucchetto in puro rame, una moneta di Ottone III e altri pezzi indefinibili rovinati in legno o altro.

Le tombe risultano con cadaveri sovrapposti nel tempo e quindi anche gli oggetti hanno una diversa datazione, ma già deducono che quei resti partano dall’epoca longobarda e fino a circa intorno l’anno mille. La descrizione dei singoli pezzi è interessante, perchè ci fan intendere che a Santimento eran stanziati anche militi cioè persone al tempo di rango e quindi non solo uomini rurali, anche se con il senno di oggi si possono aggiungere migliori informazioni: la moneta in rame con i simboli e le lettere che mostra è datata all’anno 997 ca. quando regnava Ottone III di Sassonia che è stato incoronato re degli Italici a Pavia, e l’Anguissola si dice certo che gli oggetti “danno a conoscere le professioni sia civili che rurali dei defunti”.

Il ditale era non chiuso nella parte sopra, potrebbe esser di un sarto ma sapendo bene che i musei ne conservano di antichi, dalla forma oggi invece desumiamo che sia un anello da arciere perchè appunto quelli museali han questa forma aperta. La punta di lancia lascia capire che quel defunto sia stato un milite cosa infatti attestata “prova ne sia il sepolcro disotterrato in Piacenza nel giardino del fu conte Pietro Calciati del quale parlai a lungo” e invece della chiave di lucchetto “è certo che nel secolo decimo già da lungo tempo usavansi tali serrature”. Tutte le decine di manufatti in cotto furono trattenuti dal contadino che li riutilizzò per altri lavori edili “il fittabile del terreno era in obbligo di por mano ad alcune riparazioni, e perciò si disse fortunato nell’avere scoperto materiali di ottima qualità”.

Del ritrovamento di Santimento spicca il lato storico, importante, che mostra come anche i piccoli paesi e frazioni meno conosciute del nostro territorio piacentino siano invece parte piena del percorso umano vivace che conosciamo dai libri di storia locale.

Umberto Battini



 

se copii cita la fonte

12 settembre 2021

DIALETTO

UNO STUDIO OTTOCENTESCO
SUI DIALETTI
 
Quello piacentino riassunto in una pagina con un divertente dialogo
siamo nel 1864 
 

10 settembre 2021

CURIOSITA' SU SAN ROCCO

IL SANTO PELLEGRINO
CURIOSITA' STORICHE PIACENTINE
CIRCA SAN ROCCO
 
Vi propongo il mio pezzo storico apparso sul quotidiano ILPIACENZA e relativo a San Rocco, articolo del 12 agosto 2021
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
di Umberto Battini

Interessante la Vita di San Rocco che trovate ormai senza fatica nelle tante edizioni antiche sul web, basta andare su Google e digitare "Vita di San Rocco" e compaiono decine di testi d'ogni epoca dalla moderna a quella scritta qualche secolo fa! In effetti i tanti che scrivevano andavano fidandosi di quel o quell'altro agiografo di San Rocco e trascrivevano pari pari certe notizie senza instillare perlomeno qualche dubbio sul dato storico. Ad esempio qualcuno insinuava il fatto che S. Rocco nei dintorni di Sarmato vivesse in una grotta, cosa alquanto improbabile proprio perché siamo in piena pianura, con qualche avvallamento creato dai meandri dei letti dei fiumi nei secoli ma nulla di più. 

Se quindi leggerete tra le tante Vita di San Rocco vi imbatterete anche nella notizia che egli visse tra la radura e la selva, cioè in mezzo a boscaglie praticabili e non in una grotta ma dentro ad una capanna che era nei dintorni del paese di Sarmato. E' qui che ha il periodo di sosta più lungo per il fatto delle pustule che si  doveva curare: leggiamo che nella verde selva dove abitò vi scorreva un rivo d'acque limpide, utili a lui per detergere le ferite e per dissetarsi. 

La cosa curiosa, molto curiosa a mio avviso, e che potrete appurarlo dai libri che trattano della sua Vita, dopo che ebbe lasciato l'ospedale di S. Maria di Betlhem a Piacenza (oggi chiesa di Sant'Anna) e dopo anche una sosta di qualche giornata al fiume Trebbia dove era il guado, a Sant'Antonio fuori le mura di Piacenza per intenderci presso le Case di Rocco che per altro pare che avessero quel nome già da prima il passaggio di San Rocco, eccolo poi dirigersi ancora più ad ovest dopo Rottofreno e peregrinare ancora per pochi chilometri.

Ora interessa sapere che si tramanda che sostò appunto nei dintorni di Sarmato feudo di Gottardo Pallastrelli presso un luogo ricco di vegetazione e riparato, con una piccola fonte, e non in una grotta, ma ecco che si legge che il luogo dove San Rocco prese dimora era nei pressi del fiume Trebbia!

Cosa impossibile per chi conosce il territorio: Sarmato è a pochi chilometri dal fiume Tidone che sfiora Rottofreno ed ha a nord il fiume Po mentre il succitato fiume Trebbia è a quindici chilometri a est e prossimo a Piacenza.

Fatto sta che anche questa notizia è circolata in antiche Vitae Sancti Rochi e poi certamente tramandata anche solo per "copia e incolla" diremmo oggi, ma resta il fatto che compare in libri storici antichi e non era certo una invenzione poetica visto che il fiume Trebbia esiste!

Sarebbe interessante sapere come mai viene anche tramandato come fatto storico che la sua dimora fosse nei pressi di Sarmato ma in una casupola prossima al fiume Trebbia, cosa come detto assolutamente impossibile proprio geograficamente!

Quale sia il mistero di questo dato non lo sappiamo, possiamo fare la ipotesi che sia un errore di conoscenza dei luoghi, ma suona strano che nel tempo non sia stato corretto citando al limite il fiume Tidone, cosa che non è mai avvenuta.

Resteremo anche con la curiosità di capire da dove sian provenute le voci della grotta di pianura e ancor più del fiume Trebbia spostato di oltre una decina di chilometri dal suo alveo!

Un altro aspetto che si vuol significare è quello d'essere stato S. Rocco un vero e proprio penitente francescano: fu a questo ideale terziario al quale aderì  come era tra le possibilità della Regola del tempo per i laici cioè la Supra Montem del 1289.

Storico è che Papa Paolo III nel 1547 con la bolla "Cum a nobis" inserisce San Rocco ufficialmente nel catalogo dei Santi del Terzo Ordine di San Francesco de penitentia nuncupati; sappiamo anche che Papa Urbano VIII nel 1629 ne approva il culto sebbene fosse già fatto da secoli e papa Innocenzo XII nel 1694 prescrive ai francescani di celebrarlo con grande solennità.

Continuiamo ad analizzare un altro dato storico secondo i dati di Pietro Maria Campi illustre storico piacentino che nel primo 1600 ci lasciò alcuni monumentali libri di storia locale.

Il Campi scrive: "in detto anno 1322 in Piacenza fu l'avventurosa venuta del glorioso San Rocco" e continua "è da sapersi che il santo pellegrino, prima d'entrar in Piacenza, visitò molti villaggi del territorio..." tra i quali Caorso.

San Rocco arriva nel territorio di Piacenza nel 1322 e scorrazza e visita vari luoghi del piacentino, passando per tanti paesi e prediligendo gli ospitali.

Un dato: Calendasco vanta un ospedale antico gestito da penitenti terziari sotto la guida di fra Aristide, che nel 1315 accolse il piacentino S. Corrado Confalonieri dopo il fatto dell'incendio.

Ecco quindi un indizio, che ci fa ipotizzare anche il passaggio di S. Rocco tra i suoi fratelli ospitalieri di Calendasco ed in questo 1322 è ancora in piena attività vestito del saio grigio anche S. Corrado.

Ipotesi che qui in questo luogo di ospitalità l'infermiere itinerante S. Rocco (così lo definiscono eminenti studiosi per il fatto che vagava di ospitale in ospitale prestando anche servizio di carità in opere) incontra S. Corrado e gli altri fraticelli: un incontro tra futuri Santi, emblematico e inaspettato! Dicevamo di San Rocco: studi eminenti ci donano riferimenti storico-critici molto interessanti, in sintesi: lo storico antico Diedo dice San Rocco nato nel 1295 e morto nel 1327 ed un altro studio ci informa che fino ad argomenti più decisivi le date cui attenersi sono quelli forniti dal Diedo e altri ancora propongono invece il 1345-1377 ma sempre con molte incognite.

Se le date prime fossero confermate, ne le prime ne le ultime lo sono con certezza ma aperte a studio e ipotesi ancora ai nostri giorni, vediamo una coincidenza piena con l'epoca del piacentino San Corrado: tra il 1315 e il 1325 possono aver avuto un incontro.

San Rocco resta molto amato nella terra piacentina, invocato contro le pestilenze e non poche sono le chiese e gli oratori a lui dedicati nella nostra diocesi che nel giorno della sua morte il 16 di agosto, lo venera e festeggia con riti sacri e grandi fiere locali molto partecipate a Sarmato e Pontedell’Olio.

 

TEMPLARI CURIA DI VERONA

 SOSPENSIONE IN DIOCESI DI VERONA
La Curia Diocesana di Verona ha diffuso un articolato comunicato per prendere nettamente le distanze dell’Associazione dei Templari Cattolici.
Il Vescovo invita preti e laici ad esser prudenti:
"...la Curia diocesana di Verona precisa che l’Associazione denominata “Templari Cattolici d’Italia” non ha alcuna facoltà canonica di proporre eventi, organizzare manifestazioni, accogliere nuovi adepti e prestare servizi di custodia in nessuna chiesa sia parrocchiale che rettoriale sull’intero territorio della Diocesi di Verona"
 
Il comunicato in questo articolo indicato al link qui sotto:
Ecco cosa leggiamo tra le altre cose:

"Dopo aver svolto alcune verifiche e ascoltato vari testimoni attraverso una apposita commissione, il Vescovo di Verona, in sintonia con il dicastero vaticano competente, ha indetto, ai sensi dei can. 305 e 323 del Codice di diritto canonico, una visita canonica al fine di approfondire in modo più specifico la realtà dell’associazione secondo le indicazioni del Magistero della Chiesa e del Diritto canonico. Per poter quindi procedere a questa visita, il Vescovo ha disposto, lo scorso 31 maggio, la sospensione delle attività dell’associazione sul territorio dell’intera Diocesi e ogni tipo di servizio che i suoi membri prestavano in alcune chiese della stessa."

"Poiché sono state richieste da più parti informazioni e delucidazioni su questa realtà, la Curia diocesana di Verona precisa che l’Associazione denominata “Templari Cattolici d’Italia” non ha alcuna facoltà canonica di proporre eventi, organizzare manifestazioni, accogliere nuovi adepti e prestare servizi di custodia in nessuna chiesa sia parrocchiale che rettoriale sull’intero territorio della Diocesi di Verona, e che in questo momento non c’è alcun patrocinio o anche semplice appoggio della Diocesi a quanto i suoi membri continuano a proporre. Per questo, sia i presbiteri che i fedeli laici sono invitati ad essere prudenti nell’ascolto e obbedienti alle istruzioni che il Vescovo di Verona ha dato, fino al momento in cui non saranno chiariti i comportamenti ancora non di piena comunione ecclesiale dei Templari Cattolici d’Italia”.

8 settembre 2021

CASTELLO VISITE AL CANTIERE

Dal sito del Comune di CALENDASCO
iniziativa molto interessante
 
Giornata di apertura del cantiere in corso 
per il recupero del castello

Visite guidate gratuite sabato 18 settembre

Sabato 18 settembre l'Amministrazione comunale di Calendasco organizza una giornata di apertura del cantiere in corso per il recupero del castello
Per l'occasione, saranno anche presentati i progetti in corso di definizione sul locale delle scuderie, a lato del castello, e la collaborazione avviata con il Politecnico di Milano per la riscoperta della sua storia e la sua valorizzazione

Sono previste tre visite guidate: alle ore 14, alle 15 e 30 e alle 17
I posti sono limitati (causa Covid) per cui e' obbligatoria la prenotazione al numero: 3207698852

A chiusura dell'evento, a partire dalle ore 21 sulla Piazza del Castello si terra' una serata dedicata dedicata a Dante Alighieri, a pochi giorni dal 700esimo anniversario della sua scomparsa

L'astronomo Michele Cifalino' guiderà il pubblico nella lettura del cielo stellato, accompagnato dall'interpretazione di canti della Divina Commedia e da intrattenimento musicale

Per partecipare agli eventi e' necessario esibire il Green Pass


 


I CARTELLI DEL PO

PER NAVIGARE NELL'ALVEO
I cartelli però mancano nel fiume Po da Piacenza verso Pavia
 
Risulta davvero arduo navigare sul Po nella bassa al nord-ovest di Piacenza perchè manca del tutto la segnaletica.
Per tanti anni è stata lasciata lungo la sponda ed era utile in tempo estivo per poter muovere in sicurezza barche, motoscafi e natanti in genere: infatti il Grande Fiume mantiene sempre il suo profondo canale principale che però va segnalato. 
Come mai in alcune aree del Po i cartelli ci siano mentre in altre siano stati completamente tolti anni fa resta da capire.
Ecco una immagine utile ai naviganti dei cartelli fluviali.

 

7 settembre 2021

SANTIMENTO

LA CHIESA 
DEDICATA AL BATTISTA
Necessita di interventi importanti
 
Nella frazione di Santimento (scritto anche Sant'Imento nda) che è condivisa tra i comuni di Rottofreno e Calendasco, spicca la imponente struttura della chiesa parrocchiale. 
Edificio tutto in cotto, contiene al suo interno dei gradevoli altari in stile baroccheggiante e la grande pala dell'altare maggiore è dedicata al Patrono S. Giovanni Battista.
Il bel quadro è opera del pittore piacentino Francesco Ghittoni che morì a Piacenza nel 1928.
Purtroppo l'edificio ha necessità di restauro: infatti sulla facciata della chiesa una grande crepa la solca quasi da cima a fondo.
Santimento è stato un paese che dal medioevo era sotto le dipendenze della Curia piacentina inquanto tra i beni della Mensa Vescovile che arrivavano da lì fino al Monticello ultra pado (di là dal Po) al suo nord-ovest e le testimonianze archivistiche sono veramente tante.
Questa grande chiesa la si deve proprio alla volontà dei Vescovi che anche per certi anni ne possedettero il castello.
C'è veramente da sperare che questo edificio possa esser recuperato al culto, all'arte storica e alla tradizione locale che possiede. 


 

 

6 settembre 2021

AMILCARE MARCHESI 1951

EDITO' UNO STUDIO STORICO
DEDICATO A BOSCONE CUSANI

Amilcare Marchesi ha fatto uno studio sul paese del comune di Calendasco Boscone Cusani, tirato a stampa a ciclostile in modo semplice nel 1954 in Piacenza ma finito nel 1951.
Devo un pubblico grazie a Carlo Aberto Buttò di Calendasco che ha rinvenuto tempo fa un originale ed ha provveduto a donarmene una copia rilegata sapendo bene del mio amore per la storia locale.
Questo lavoro accurato di Amilcare Marchesi  merita il giusto elogio, anche il parroco di Boscone don Albo Boreri decine d'anni fa diede alle stampe un libro sulla storia di Boscone.

 

 

NUOVA STATUA A NOTO

 TI AMIAMO E LO DIMOSTRIAMO

QUESTA STATUA UN SEGNO DI RICONOSCENZA
 
L'Eremo adesso è perfettamente servito: la statua immensa e bella sul piazzale d'ingresso, la statua antica posta nella nicchia scavata nella roccia sopra alla grotta nel Santuario e adesso questa statua, pronta per esser portata nella processioni in loco e esposta alla venerazione dei fedeli.
Appena raccolte le informazioni, per amore del vero del bello e del giusto daremo anche la notizia dell'artista che l'ha relizzata e quant'altro utile alla storia che da ora accompagnerà questa bellissima opera d'artista dedicata al Patrono!
La nuova statua inaugurata nella santa messa di domenica 5 settembre 2021 in occasione della Festa dell'Ottava di S. Corrado.

Ieratico e per certi aspetti anche dolce, questo San Corrado nel Santuario di San Corrado fuori le mura di Noto. 

 

2 settembre 2021

YOU TUBE

IL CANALE YOUTUBE
di Umberto Battini
dove trovate tanti brevi video
su aspetti storici locali